Corso Trieste, 29
Tel. 06 44241006

Corso Trieste, 29
Tel. 06 44241006

Presso la Farmacia Nova Salus la misurazione della pressione è GRATUITA. Rilasciamo inoltre un TESSERINO per un monitoraggio più preciso e accurato.

IPERTENSIONE
La pressione arteriosa è la pressione esercitata dal sangue, pompato con forza dal cuore, sulla parete delle arterie che distribuiscono il sangue stesso nell’organismo. Dal momento che il cuore batte ad intervalli regolari, è possibile distinguere una pressione “massima” o “sistolica” che corrisponde al momento in cui il cuore pompa il sangue nelle arterie, ed una pressione “minima” o “diastolica” che corrisponde alla pressione che rimane nelle arterie nel momento in cui il cuore si ricarica di sangue per il battito successivo.

L’O.M.S al fine di uniformare i protocolli diagnostici e terapeutici ha stabilito una classificazione dei livelli di pressione arteriosa:

Valori normali di pressione arteriosa devono essere uguali o inferiori a 140/90 mmHg

Valori pressori uguali o inferiori a 120/80 mmHg sono considerati ottimali

Valori pressori compresi tra 140/159 mmHg e tra 90/99 mmHg sono definiti come ipertensione di grado lieve.

Valori pressori compresi 160/179 mmHg e 100/109 mmHg rappresentano un’ipertensione di grado moderato.

Infine valori pressori uguali o superiori a 180 e 110 mmHg rispettivamente di sistolica e di diastolica costituiscono un’ipertensione di grado severo o grave.

L’ipertensione arteriosa oggi è una delle malattie maggiormente diffusa nei paesi industrializzati e spesso molti soggetti non sono a conoscenza del loro stato patologico se non prima della comparsa di un evento eclatante, ecco perché l’attenzione delle strutture informative preposte è rivolta verso delle adeguate campagne informative. L’ipertensione è un killer silenzioso. Non bisogna sottovalutare alcuni sintomi potenzialmente dovuti all’ipertensione arteriosa quali: mal di testa, ronzio auricolare, disturbi visivi, senso di vuoto alla testa, instabilità, vertigini; sensazioni di malessere con difficoltà di concentrazione e di memoria, arrossamento del viso, palpitazioni ed epistassi.

L’ ipertensione è uno dei fattori di rischio che associato alla malattia aterosclerotica può determinare l’ ictus, l’infarto del miocardio, la malattia coronarica, lo scompenso congestizio e le malattie arteriose periferiche. Alcuni consigli per il paziente iperteso:

  • Riduzione del peso corporeo eccessivo
  • Restrizione del consumo di alcoolici. L’abuso di alcool, come dimostrano molti studi epidemiologici, è associato ad un incremento della pressione arteriosa in entrambi i sessi.
  • Limitare il fumo o meglio smettere di fumare. Il fumo provoca una vasocostrizione delle arterie con conseguente rialzo dei valori di pressione.
  • Limitare il consumo del caffè, thè.
    •Riduzione dell’ apporto di sodio (sale) . L’apporto giornaliero corretto è di 2/6 g. Vanno evitati tutti gli alimenti contenenti glutammato monosodico, nitrato di sodio, bicarbonato di sodio, a cominciare dai cibi pronti, surgelati o in busta, la carne in scatola (tonno, sardine, manzo in gelatina), gli insaccati, i formaggi stagionati (pecorino, parmigiano, gorgonzola etc.), i frutti di mare, i dadi da brodo, le salse pronte, le conserve, i sottaceti e via dicendo. Inoltre è utile sapere che in farmacia si possono acquistare sali dietetici IPOSODICI in sostituzione del comune sale da cucina che consentono di limitare l’apporto di cloruro di sodio riducendone l’apporto fino al 35%. Possono essere utilizzate sia nella fase di cottura dei cibi sia sugli alimenti crudi. Ancora possono essere acquistati in farmacia brodi vegetali privi di glutammato.
  • E’ opportuno un buon apporto di calcio (1 grammo al giorno) e di potassio (100 mEq al giorno).
  • Praticare un’attività fisica moderata.
  • Assicurare un numero sufficiente di ore di sonno.
  • Seguire con costanza la terapia farmacologica prescritta dal medico.
  • Controllare periodicamente la pressione arteriosa e mantenere uno stretto contatto con il proprio medico curante e con il proprio farmacista di fiducia.
    All’inizio del trattamento anti-ipertensivo è necessario misurare la pressione più volte al giorno annotando su un diario i valori rilevati segnando anche la data e l’ora della misurazione; in seguito sarà sufficiente 2 volte al giorno, la mattina subito dopo alzati e la sera prima di andare a dormire.
    Se in seguito alla cura i valori pressori risulteranno nella norma, sarà sufficiente misurare la pressione una volta a settimana.